13
Luglio
2020

Grana Padano e neonati: consigli per lo svezzamento

Il Grana Padano DOP è un alimento importante fin dai primi mesi di vita.

Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) lo svezzamento dovrebbe iniziare intorno al sesto mese del bambino, in quel momento infatti il latte materno o quello artificiale non è più in grado di assicurare il corretto nutrimento e quindi la crescita ottimale al piccolo. Devono essere inseriti nella sua dieta nuovi alimenti, che gli permettano di assumere tutti i nutrienti di cui necessita, soprattutto il ferro.

Lo svezzamento è, per il bambino, un periodo ricco di novità: passa infatti dall’alimento a cui è abituato, il latte, a un nuovo mondo di sapori, odori e consistenze. Ma non solo: si tratta anche di abbandonare il biberon o il seno della mamma per avvicinarsi a cucchiaio e piattini.

Per le prime pappe sono consigliate le preparazioni a base di cereali, come la crema di riso, quella di mais o tapioca, quella di multicereali o di semolino. Per condire le pappe è sconsigliato l’utilizzo del sale, che andrebbe sostituito con un cucchiaino di Grana Padano grattugiato. Il Grana Padano, con la sua sapidità e con i suoi nutrienti è perfetto per l’alimentazione del bambino fin dal sesto mese, infatti fornisce proteine e acidi grassi facilmente digeribili e calcio e fosforo ad alto assorbimento.

Le modalità con cui viene introdotta la prima pappa sono fondamentali, da esse dipende l’accettazione di un tipo nuovo di alimentazione, e il passaggio dal sapore dolce del latte al sapore nuovo della pappa potrebbe non essere facile. Per queste ragioni è importante avere molta pazienza nel proporre i nuovi alimenti e cercare di farlo in modo graduale, affinché il bambino abbia modo di abituarsi ai nuovi sapori poco per volta.

Successivamente è possibile integrare anche i passati di verdura o di legumi con il Grana Padano grattugiato, e, quando il bimbo sarà cresciuto, il Grana Padano in scaglie potrà diventare un vero e proprio snack!

Torna alle news