5
giugno
2017

Grana Padano DOP: i vini con cui abbinarlo.

Quali vini scegliere da abbinare e ogni tipo di Grana Padano DOP, in base alle stagionature.

Il Grana Padano certificato denominazione origine protetta, è un formaggio di latte vaccino a pasta dura, cotta e a lenta maturazione. Si produce esclusivamente con latte vaccino crudo proveniente dalla zona DOP (32 province tra Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino-Alto-Adige ed Emilia-Romagna), parzialmente scremato mediante affioramento naturale, munto non più di due volte al giorno da bovine alimentate secondo regole precise. Viene lavorato in caldaie di rame a forma di campana rovesciata, che contengono i 600 litri di latte necessari per produrre una forma di Grana Padano oscillante tra i 34-36 Kg.

La tenera massa caseosa è successivamente avvolta in fasce e pressata in stampi che conferiscono al Grana la sua tipica forma cilindrica ‘a canestro’. L’immersione nelle saline e la lenta stagionatura in magazzini a temperatura controllata completano il processo di produzione, monitorato costantemente dai tecnici del Consorzio fino alla definitiva marchiatura a fuoco sulla crosta esterna. Solo a questo punto il Grana è pronto per arrivare sulle vostre tavole. Il Consorzio individua e tutela tre tipologie di stagionatura per il Grana: la stagionatura minima di 9/10 mesi, la stagionatura ‘oltre i 16 mesi’, e infine la stagionatura ‘oltre i 20 mesi’, per la quale è concessa la qualifica di ‘Riserva’.

Il Grana è estremamente versatile in cucina: moltissimi i piatti della nostra tradizione che ne prevedono l’utilizzo. Ma il modo migliore per assaporarne la bontà è sicuramente quello di gustarlo in purezza, possibilmente con dei vini che permettano di esaltarne le peculiarità e che risultino al contempo valorizzati dai toni decisi e corposi del formaggio.

Tre stagionature di Grana Padano: quali vini abbinare?

Nella versione stagionata dai 9 ai 16 mesi è estremamente versatile: è il formaggio da pasto per eccellenza con un gusto nel complesso dolce, delicato, che ricorda il latte e con una pasta morbida, di color paglierino chiaro che non presenta ancora la tipica struttura “a grana”.  Proprio per la sua delicatezza si abbina perfettamente a vini bianchi giovani, freschi e fruttati.

Il Grana Padano D.O.P. stagionato oltre 16 mesi ha un gusto saporito e pronunciato, ma mai piccante, con un profumo e un aroma che ricordano la frutta secca e il fieno.  Si abbina molto bene con vini rossi dalla moderata intensità e corposità, ancora giovani e freschi, ma al contempo in grado di sostenere il gusto di un formaggio che inizia ad avere una intensità considerevole.

Il Grana Padano D.O.P. Riserva può arrivare a stagionature di oltre 24 mesi, che gli donano un sapore sempre più ricco e pieno, senza tuttavia risultare aggressivo. Con aromi allo stadio più evoluto che ricordano oltre al burro e il fieno anche la frutta secca, il Grana Padano DOP Riserva lascia al palato dei sapori che si stemperano lentamente. Questo tipo di stagionatura richiede vini rossi morbidi, ma tannici, con un forte contenuto di alcool. Perfetto l’abbinamento con vini da dessert, che contrastano la ricchezza del suo sapore con una nota dolce.

Torna alle news

Leonessa

Ci sono prodotti dal gusto unico e impareggiabile che solo Ca.Bre può offrirvi, perché sono frutto di anni di lavoro, ricerca ed esperienza nel settore.

Leggi tutto...