6
giugno
2018

Formaggio nel bagaglio a mano: si può portare?

Pronti per partire per le vacanze, ma attenzione ai cibi che si possono trasportare.

Quando facciamo un viaggio abbiamo sempre il desiderio di portare a casa con noi anche qualche prelibatezza gastronomica del paese che abbiamo visitato. Spesso poi capita di andare a trovare amici o parenti che vivono a centinaia di chilometri da noi e di volergli portare qualche prodotto alimentare difficile da reperire, un classico esempio sono i formaggi: Provolone e Grana Padano sono due tra i più trasportati.

Così il giorno prima della partenza ci si ritrova a chiedersi se possiamo portare il Grana alla sorella che vive a Londra o se possiamo davvero mettere nel bagaglio a mano il pezzo di Provolone Valpadana DOP che gli amici di Berlino ci hanno richiesto. Bisogna infatti distinguere tra bagaglio a mano e bagaglio da stiva, ma vediamo i dettagli.

Formaggio nel bagaglio a mano: sì a quello stagionato

Le compagnie aere applicano la regola per la quale i liquidi possono essere trasportati in confezioni dalla capienza massima di 100ml, per un totale complessivo di 1000ml, da inserire in una busta di plastica trasparente. Ci sono poi dei prodotti che non possono per nessuna ragione essere portati a bordo, perché per la loro consistenza possono essere assimilabili a materiali esplosivi. La lista di questi alimenti è stata pubblicata sul sito dell’Ente nazionale per l’aviazione civile (enac.gov.it) e comprende: formaggi freschi o sciolti, crema di cioccolata, burro di arachidi e yogurt.

I formaggi non freschi, che hanno quindi subito un processo di maturazione che li ha portati ad avere una consistenza più solida, come il Grana Padano, il Provolone o il Leonessa, possono tranquillamente essere trasportati.

Formaggio nel bagaglio da stiva

Il trasporto di cibi e bevande nei bagagli che vengono riposti in stiva non prevede grosse limitazioni, quindi anche il formaggio può generalmente essere trasportato senza problemi. È opportuno però che questi prodotti siano adeguatamente imballati. In ogni caso è consigliabile verificare i permessi di trasporto del servizio doganale del paese di arrivo: le restrizioni dei paesi fuori dall’Unione Europea potrebbero infatti riguardare qualche alimento particolare o, soprattutto, le quantità di prodotti che si trasportano.

Torna alle news

Leonessa

Ci sono prodotti dal gusto unico e impareggiabile che solo Ca.Bre può offrirvi, perché sono frutto di anni di lavoro, ricerca ed esperienza nel settore.

Leggi tutto...