7
agosto
2018

Formaggio in gravidanza: quale scegliere

Sì ai formaggi stagionati come Grana Padano, Leonessa e Real Cabre.

Un’alimentazione corretta e controllata permette di ridurre i rischi per mamma e bambino durante la gravidanza. È ormai risaputo che le donne che non hanno mai avuto a che fare con la toxoplasmosi devono evitare il consumo di insaccati, di carne cruda o poco cotta e di verdure crude non lavate accuratamente. La stessa cosa vale per il consumo del pesce fresco crudo, che potrebbe essere contaminato dall’anisakis, pericoloso non solo per le donne in gravidanza.

E per quanto riguarda i formaggi?

I rischi connessi al consumo di formaggi in generale sono molto bassi, ma è comunque bene fare attenzione. Il maggior pericolo è la listeriosi, un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes. I casi di infezione associata al consumo di formaggio sono in realtà rari e la maggior parte delle volte i sintomi sono molto lievi si limitano a febbre, vomito e diarrea. Difficilmente sono necessari trattamenti, bastano pochi giorni e i sintomi svaniscono. In rari casi questa infezione può dare complicanze, come la meningite, e in periodi delicati come quello della gravidanza anche forme meno serie di listeriosi potrebbero essere pericolose.

Quali formaggi evitare?

I formaggi che andrebbero evitati sono quelli molli e che hanno maturato muffe, come brie e camembert, sia che siano prodotti con latte vaccino sia che siano realizzati con latte di capra. I formaggi molli sono meno acidi e più umidi dei formaggi stagionati e per queste ragioni sono il terreno in cui è più facile la proliferazione dei batteri. Anche formaggi che contengono muffe come gorgonzola o roquefort andrebbero evitati.

Che formaggi scegliere?

Le varietà dure e stagionate come il Grana Padano o il Leonessa contengono meno acqua rispetto ai formaggi freschi ed è quindi più difficile che i batteri possano crescere al loro interno. I formaggi stagionati e senza muffe possono quindi essere consumati senza comportare rischi di alcun tipo. Anche per quanto riguarda i formaggi freschi ci sono eccezioni: se si ha la certezza che siano stati prodotti con latte pastorizzato infatti non rappresentano un pericolo, se inoltre decidiamo di consumarli dopo cottura ad elevata temperatura i batteri eventualmente presenti verranno uccisi e non rappresenteranno più un pericolo.

Torna alle news

Leonessa

Ci sono prodotti dal gusto unico e impareggiabile che solo Ca.Bre può offrirvi, perché sono frutto di anni di lavoro, ricerca ed esperienza nel settore.

Leggi tutto...