17
aprile
2018

Una fetta di storia: che formaggi mangiava l’uomo preistorico?

Il primo formaggio prodotto nella storia era un caprino.

Il formaggio è tra i prodotti alimentari con la storia più antica, ma quando l’uomo ha iniziato a produrlo? Il momento in cui gli uomini, da millenni raccoglitori e cacciatori, iniziarono a praticare pastorizia e allevamento è così importante nella storia dell’umanità da essere definito “rivoluzione neolitica”. Circa 10.000 anni fa l’uomo cambiò in maniera radicale il proprio modo di vivere, iniziando a coltivare le piante e ad allevare gli animali.

I ricercatori hanno lavorato anni all’identificazione del momento e del luogo esatti in cui l’uomo ha iniziato a dedicarsi all’allevamento e all’agricoltura, dando poi vita ai primi insediamenti. Zoologi, botanici, antropologi, archeologi, genetisti studiando gli insediamenti della Mezzaluna fertile, ovvero la parte meridionale dell’attuale Turchia. Come dichiara Jared Diamond, ricercatore del Dipartimento di Fisiologia dell’Università di Los Angeles, quello è il luogo in cui è stata più precoce la domesticazione e proprio da lì si sono diffuse specie nuove e oggi presenti in tutto il mondo.

La prima specie ad essere addomesticata fu senza dubbio quella caprina, gli studi su casse di ossi di capra reperiti in vari siti archeologici di Ganj Dareh. Proprio in questa zona dell’Iran, le comunità che stavano diventando sedentarie iniziarono a produrre, con il latte munto dalle prime capre allevate, il formaggio.

Ciò che rende questo prodotto un vero e proprio reperto archeologico è la sua ricetta, rimasta praticamente invariata per migliaia di anni, attraverso le più disparate mutazioni storiche. Anche i caseifici più moderni, infatti, continuano a seguire metodi di cagliatura antichissimi, addirittura preistorici.

Torna alle news

Leonessa

Ci sono prodotti dal gusto unico e impareggiabile che solo Ca.Bre può offrirvi, perché sono frutto di anni di lavoro, ricerca ed esperienza nel settore.

Leggi tutto...